Ravenna, dopo il furto restituisce il bottino ma si scopre irregolare in Italia

Ravenna – Il furto di un giubbotto commesso da un uomo di 40 anni tunisino ai danni di un negozio di capi di abbigliamento situato in via Cavour a Ravenna, si è risolto con una denuncia a piede libero per furto e inottemperanza all’ordine di abbandonare l’Italia. Secondo quanto si è appreso l’uomo, dopo essere entrato nell’esercizio commerciale, ne è uscito frettolosamente facendo scattare il sistema di allarme del dispositivo anti taccheggio: subito è stato inseguito e fermato dalla guardia addetta alla sicurezza del negozio, che nel mentre aveva già richiesto l’intervento tempestivo degli agenti di polizia. Al sopraggiungere sul posto delle forze dell’ordine, il 40enne ha però deciso di riconsegnare spontaneamente il giubbotto che aveva asportato poco prima dal negozio e nascosto in un bustone con la speranza di non essere scoperto. In seguito ad un primo controllo sulla sua identità, il nordafricano è tuttavia risultato non solo una vecchia conoscenza della polizia, ma anche irregolare sul territorio nazionale. Pertanto, al termine dei vari accertamenti di rito da parte degli agenti, l’uomo è stato denunciato a piede libero per i reati di furto e per inottemperanza all’ordine di lasciare il Paese da parte del questore.

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*